Share on facebook

Un modo diverso di fare didattica

Riprendiamo le fila e impariamo insieme ad affrontare questa nuova esperienza!

Da utilizzare a casa, da pc o tablet o smartphone, con mamma e papà,  la nuova piattaforma Classroom di Google è il nostro supporto alle famiglie in questo momento di difficoltà in cui la Scuola è chiusa, che permette di creare giocare e conoscere insieme alle insegnanti in modo diverso.

Nulla è obbligatorio, è solo una proposta per starvi vicini e sostenere i nostri bambini.

 

Facciamo squadra con le possibilità di ciascuno e le stesse potenzialità e modalità.

1. Il genitore ha UN RUOLO diverso…DIVENTA UN PO’ INSEGNANTE
E’ necessario affiancare il proprio figlio, sdoppiando il proprio ruolo.

2. Tutte le proposte si realizzeranno attraverso IL GIOCO
Nulla per forza, spiegando che non si e’ in vacanza ma e’ un fare scuola in modo diverso.

3. Puntiamo sull’AUTONOMIA del bambino
«Perdiamo tempo» aspettando che faccia da solo: in bagno, a tavola, nell’eseguire le consegne, nel vestirsi, svestirsi, riordinare…

4. Fateli tagliare, incollare, comporre e ricomporre, ripetere le sequenze di tutto cio’ che svolgono durante il giorno.
Chiedete il perché delle cose…
Fateli giocare con puzzle, travestimenti…
Fateli disegnare, raccontare, cantare, ballare…
Quando giocate con loro non fateli necessariamente vincere.

5. In tutto cio’ che proponete cercate di stimolare la sua CURIOSITA’, atteggiamento che stimola e facilita l’apprendimento.

6. I BIMBI NON DEVONO IMPARARE A LEGGERE E SCRIVERE.
La scuola primaria non chiede questo… Serve l’acquisizione dei prerequisiti, alla base delle lettura, scrittura e calcolo. E’ un percorso che inizia già dai 3 anni per affinare via via queste competenze. Prima fra tutte la lateralizzazione in uno spazio… dall’alto al basso… da sinistra a destra.

 

Quindi, pronti, partenza e via!